Fare il test HIV a casa

Infezione acuta da HIV: sintomi e diagnosi

L'infezione acuta da HIV è una condizione che può svilupparsi già 2-4 settimane dopo il contagio. È anche nota come “infezione primaria da HIV” o “sindrome retrovirale acuta” e dura finché il corpo non crea gli anticorpi contro il virus.

Durante questa fase iniziale, il virus è contagioso e si moltiplica rapidamente. Tuttavia, la maggior parte delle persone con infezione acuta da HIV non sa nemmeno di aver contratto il virus, poiché i sintomi iniziali svaniscono da soli o possono essere scambiati per un'altra malattia come l'influenza.


Sintomi dell’infezione acuta da HIV


Quali sono i sintomi dell'infezione acuta da HIV?

Sono simili a quelli dell'influenza e di altre malattie virali; quindi, chi non sa di essersi esposto all’HIV, non può sospettare di averlo contratto.

I sintomi dell’infezione acuta da HIV possono includere:

  • Febbre
  • Brividi
  • Sudorazione notturna
  • Mal di testa
  • Affaticamento
  • Gola infiammata
  • Eruzioni cutanee
  • Perdita dell’appetito
  • Piaghe in bocca o nell'esofago
  • Linfonodi ingrossati
  • Dolori muscolari
  • Diarrea


Non necessariamente compaiono tutti questi sintomi. Alcune persone con infezione acuta da HIV non presentano alcun sintomo. Tuttavia, se i sintomi si manifestano, possono protrarsi per un periodo che va da pochi giorni fino a quattro settimane, scomparendo senza alcun trattamento.


Cause dell’infezione da HIV


Come si trasmette l’HIV?

Il contagio avviene attraverso:

  • Trasfusioni di sangue infetto (oggi sono imposti dei controlli per evitarlo)
  • Condivisione di siringhe o aghi infetti
  • Contatto con sangue, sperma, liquidi vaginali o secrezioni anali contenenti il virus


Inoltre, la trasmissione madre-figlio può avvenire durante la gravidanza o l’allattamento, se la madre ha l'HIV.
Invece, l'HIV non viene trasmesso attraverso contatti fisici casuali, come abbracci, baci, condivisione di piatti e bicchieri, ecc. Infatti la saliva non trasmette l'HIV.


Fattori di rischio


Chi è a rischio di infezione acuta da HIV?
L'HIV può colpire persone di qualsiasi età, razza o orientamento sessuale. Tuttavia, i fattori comportamentali possono mettere alcuni gruppi a rischio più elevato di contagio. Tra questi:

  • chi condivide aghi e siringhe
  • uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini



Diagnosi dell'infezione acuta da HIV


Come viene diagnosticata l'infezione acuta da HIV?

Già si è detto che nella fase acuta il sistema immunitario può non aver ancora prodotto gli anticorpi. Pertanto, nei primi giorni dopo il contagio, non è detto che un test standard basato sulla rilevazione degli anticorpi possa eseguire una diagnosi corretta.

Ma questo non significa che sia opportuno rimandare per avere una diagnosi. Tutt’altro!

Se si sospetta di aver contratto il virus occorre recarsi immediatamente in ospedale o nel centro più vicino per la diagnosi dell’HIV. Qui, un operatore sanitario eseguirà una serie di test per verificare la presenza dell'HIV in caso di sospetto virus.

Tra i test che potrebbero essere in grado di rilevare segni di infezione acuta da HIV:

  • Analisi del sangue antigene p24
  • Conteggio CD4 e test RNA della carica virale HIV
  • Test antigene-HIV e anticorpi



Perché non rimandare per avere una diagnosi?


Un trattamento adeguato è fondamentale per le persone con diagnosi di HIV.

Diversamente da altri virus, l’HIV non può essere definitivamente eliminato dal nostro sistema immunitario. Per cui, in assenza di diagnosi e trattamento, continua ad attaccare e distruggere le cellule immunitarie, rendendo il sistema immunitario incapace di combattere altre malattie e infezioni.
Perciò è importante ottenere una diagnosi il prima possibile.


Trattamento precoce con la terapia antiretrovirale


In caso di possibile infezione acuta da HIV, non è opportuno rimandare la diagnosi, perché essa può essere trattata in modo specifico, con farmaci antiretrovirali.
Gli operatori sanitari e gli scienziati concordano sul fatto che il trattamento precoce dovrebbe essere usato per tutte le persone con HIV che possono prendere un farmaco giornaliero. Il trattamento precoce con farmaci antiretrovirali può ridurre al minimo gli effetti del virus sul sistema immunitario.
Tuttavia, i farmaci antiretrovirali possono avere gravi effetti collaterali se usati per un trattamento a lungo termine. È dunque importante discutere tutte le opzioni di trattamento e i potenziali effetti collaterali con il proprio medico per determinare il momento giusto per iniziare e continuare il trattamento per l'HIV.


È possibile fare il test a casa?


In molti preferiscono eseguire il test nella privacy di casa propria.
Il test HIV casa INSTI è attendibile e fornisce subito un risultato, ma attenzione: va effettuato dopo almeno 22 giorni dal possibile contagio.
Inoltre, se sono trascorsi meno di 3 mesi dall’ultimo comportamento a rischio, andrà ripetuto una seconda volta a distanza di 3 mesi.


Conclusioni



Chiunque sia stato esposto all'HIV e potrebbe essere vittima di un'infezione acuta da HIV dovrebbe sottoporsi immediatamente al test.